Shopper…scoppia il caso Ikea-Balenciaga

Shopper…scoppia il caso Ikea-Balenciaga

Shopper…scoppia il caso Ikea-Balenciaga

Share

“Di Frakta ce n’è una sola e come lei non c’è nessuna”: così risponde Ikea a Balenciaga. E di fronte a tanta ironia il web impazzisce. A noi questa storia piace un sacco per due motivi: il primo perché ci dà la possibilità di parlare di un accessorio, la shopper bag,  a dir poco fondamentale nella quotidianità di una donna, il secondo perchè ci fornisce un ottimo assist per approfondire il tema del valore.

Shopper Ikea Frakta

Ma andiamo con ordine. Stiamo parlando di due borse identiche, almeno al primo sguardo. Molto grandi, azzurro elettrico, due manici. Una è Frakta, la shopper del colosso svedese Ikea, valore di mercato 60 centesimi. L’altra è una borsa Balenciaga, firmata dal geniale Demna Gvasalia, direttore creativo della maison francese noto nell’intercettare icone della cultura popolare e nel rielaborarle con ironia e provocazione. La sua borsa costa 1700 euro. Una è acquistabile alle casse dei punti vendita Ikea, l’altra negli store o sul sito dell’azienda. La somiglianza tra le due ha fatto discutere e appassionare migliaia di utenti sui social; a questo punto Ikea non poteva che cavalcare l’onda di tanta inaspettata popolarità.

Così, puntualissimo, arriva un ironico post che spiega come riconoscere la shopper originale in sei passaggi.

 

  1. Scuotetela: se sentite un grande fruscio, allora è la nostra.
  2. Multifunzionale: può trasportare l’attrezzatura da hockey, mattoni e anche acqua.
  3. Sporcatela: una vera shopper Frakta può essere risciacquata facilmente con un tubo da giardino quando è sporca.
  4. Chiudetela: siete in grado di ripiegarla fino alla grandezza di un portafoglio? Se la risposta è si, congratulazioni.
  5. Guardateci dentro: sull’originale c’è scritto “Ikea”.
  6. Il prezzo: costa solo 0,99 dollari.

Borsa Balenciaga

Ma le reali differenze e soprattutto il valore dove stanno? Di sicuro  nell’occhio di chi guarda…e compra! Questa volta però il bello è che non è stato il gigante dell’arredamento a copiare Balenciaga come accade solitamente con le copie “tarocche” delle grandi firme, ma viceversa. La shopper Ikea diventa quindi, suo malgrado, un modello per l’alta moda. Tutto grazie al genio di Gvasalia che si è divertito a trasformare un simbolo del design low cost in un accessorio di lusso: del resto direttore creativo della maison Balenciaga ha cambiato il materiale per la realizzazione dell’oggetto in questione, riprendendone il design, quindi ha superato anche le barriere dal diritto d’autore. E certo tra l’umile Frakta e il suo avatar di lusso non mancano le differenze. Ma alla fine un dubbio rimane: quale, ai nostri occhi, vale davvero di più?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Eventi

Dec
2

Presentazione Creative Icon con...

Via Feltre 28, Belluno, 32100 Italy 
Dec
5

Presentazione Creative Icon con...

C.so Vittorio Emanuele II, 418, Pescara, 65121 Italy